Citazione

“Dicono ‘Thanks for the memories’. Ma a me non basta. Ok, grazie per tutti i ricordi, ma il punto è che io voglio riviverli ancora. Con te.”
Dream

Annunci

Se sei felice e tu lo sai.. no, non lo sono.

Quante volte da bambini abbiamo battuto le mani cantando ‘se sei felice e tu lo sai batti le mani’? Tante? Beh, adesso non avrei la forza nemmeno per avvicinarle. Non avrei il coraggio neanche di farle sfiorare, queste mani.
Come posso essere felice? Le persone si aspettano troppo da me, io invece ho imparato a non aspettarmi più niente dagli altri. Ho imparato che non fidarsi è meglio. Che illudersi non fa bene. E che vivere è così fottutamente difficile.

Dream

Mi hanno chiesto che cos’è l’amore.

L’amore sono i baci, gli abbracci, le carezze, le passeggiate mano nella mano, i ricordi da condividere, le mani tra i capelli, i corpi intrecciati, le parole sussurrate sulle labbra, i nasi che si sfiorano, il cuore che accelera, gli occhi che si incontrano nel buio. L’amore è sdraiarsi a guardare le stelle, sentire il vento tra i capelli, osservare la scia della nave e le onde nel mare che si perdono nell’infinità dell’oceano. L’amore è guardare un film, leggere un libro, ridere e piangere insieme. Amore è litigare e fare pace. E’ semplicemente fare un cruciverba insieme, ma non riuscire a trovare le parole perché si è troppo distratti l’uno dall’altro. L’amore è pensarti costantemente, è dirsi ‘ti amo’ con un filo di voce per paura di soffrire. L’amore è veleno e antidoto. L’amore, per me, sei tu.

Dream

Portami via;

Portami via, ti prego. Apri quella dannata porta, entra di fretta in camera mia, prendimi la mano e trascinami via da qui. Non lasciarmi qui da sola preda delle mie emozioni e della solitudine. Non mi serve una valigia, non c’è niente di tanto indispensabile quanto te. Non c’è nient’altro che io vorrei avere a parte te. Voglio essere il tuo universo, come tu sei per me il mio. Voglio andarmene su un isola deserta, solo io e te, d’inverno, le gocce di pioggia che battono sui vetri delle finestre. Un tè caldo in una mano e un libro nell’altra. La mia testa sul tuo petto, che si fa distrarre dai battiti del tuo cuore. Le tue mani che mi accarezzano i capelli e le guance arrossate per il freddo. I tuoi sussurri che mi sfiorano le labbra.

Ti prego, vienimi a prendere e portami con te.

Vorrei.

Vorrei essere la tua soluzione ad ogni problema. Vorrei essere la tua persona da chiamare quando in piena notte ti svegli con un’idea folle da raccontare, o perché hai avuto un incubo e non vuoi rimanere da solo. Vorrei esserci sempre, anche a distanza. Vorrei asciugarti le lacrime interiori, quelle che nessun altro riuscirebbe a lavarti via. E vorrei lasciar cadere le mie difese. Voglio raccontarti cosa sogno quando mi chiedono del mio domani, voglio poterti dire perché resto sveglia la notte. E soprattutto, voglio potermi scoprire, con te. Voglio guarire da tutti i disastri che mi sono capitati dentro, voglio che ci baciamo le ferite a vicenda finché non ci sarà un solo centimetro di pelle e anima che l’uno non conosca dell’altro

00:17

È già mezzanotte passata e io sono ancora qui, tutta sola, ancora sveglia, avvolta nella mia coperta per cercare di riscaldarmi dal freddo che sento dentro.
Né un tè caldo, né una cioccolata e nemmeno la più spessa e pesante delle coperte potrebbe riscaldarmi. Il freddo che sento non è causato dal tempo atmosferico né dall’inverno alle porte. È la tua mancanza. La tua lontananza a provocare questa sensazione. Solo un tuo abbraccio potrebbe ravvivare la fiamma che mi brucia dentro e riscaldare il mio cuore.